Intestazione



Le mie citazioni preferite

C'è gente che possiede una biblioteca come un eunuco un harem (Victor Hugo)
Il mediocre imita, il genio ruba (Oscar Wilde)
Amicus Plato, sed magis amica veritas – Mi è amico Platone, ma ancora più amica la verità (Aristotele)
Se devi parlare, fa' che le tue parole siano migliori del silenzio (Antico detto cinese)
Contro la stupidità neppure gli dei possono nulla (Friedrich Schiller)
Disapprovo le tue opinioni, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto di esprimerle (Voltaire)
Lo stolto ha solo certezze; il sapiente non ha che dubbi (Socrate)
Sognatore è un uomo con i piedi fortemente appoggiati sulle nuvole (Ennio Flaiano)

domenica 26 agosto 2012

Cineforum – Piccoli e grandi film d'ogni tempo (V)

Angoscia (Gaslight, USA, 1944, b/n, 114 min)

Regia: George Cukor

Interpreti: Charles Boyer, Ingrid Bergman, Joseph Cotten, Dame May Whitty, Angela Lansbury

Soggetto: Patrick Hamilton

Sceneggiatura: John Van Druten, Walter Reisch, John L. Balderston

Fotografia: Joseph Ruttenberg

Genere: thriller

Musiche: Bronislau Caper




La trama: La giovane Paula Asquith (Bergman), ossessionata dal ricordo dell’omicidio della zia Alice, una famosa cantante lirica, al quale aveva praticamente assistito, sposa Gregory Anton (Boyer) che la convince a tornare a vivere nella londinese casa del delitto, per meglio esorcizzare le sue paure. Ma le cose, invece di migliorare, peggiorano: alcuni quadri di casa scompaiono dalle pareti, Paula smarrisce un gioiello, sente dei passi in soffitta, vede le luci a gas della casa abbassarsi senza alcuna ragione (da cui il titolo originale, luce a gas) e si sente inesorabilmente trascinata sull’orlo della pazzia, mentre nessuno le viene in aiuto, né il marito, che sembra anzi accusarla di squilibrio mentale, né la giovane domestica Nancy (Lansbury), che mostra apertamente di dispezzare la padrona.
La tesi della follia non convince però Brian Cameron (Cotten), affermato poliziotto di Scotland Yard, che indagherà caparbiamente fino a risolvere il mistero.

Il commento: Ci voleva George Cukor, il regista delle donne, per tirar fuori da Ingrid Bergman questo maestoso ritratto di una donna fragile, indifesa e mentalmente disturbata, che le valse con pieno merito il primo dei suoi premi Oscar da protagonista; neppure le sue intense interpretazioni nei gialli di Hitchcock (Io ti salverò, Notorius, l’amante perduta e Il peccato di Lady Considine) eguagliano questa Paula dolente e attonita.
Ma non è solo la grande interpretazione della Bergman a far annoverare questo film tra i classici del giallo d’ogni tempo, ma anche la suggestiva atmosfera londinese, tutta riprodotta in studio, anche nelle rare sequenze in esterno (Cedric Gibbons vinse l’Oscar per la miglior scenografia e Philip Ruttenberg ottenne una nomination come miglior direttore della fotografia), la regia attenta e impeccabile e una sceneggiatura drammatica e coinvolgente (anch’essa nominata per l’Oscar).
Charles Boyer (a sua volta nominato per l’Oscar) è un cattivo da antologia; Joseph Cotten è come sempre un attore dalle non comuni doti espressive e del tutto adeguato alla parte; la giovanissima Angela Lansbury, futura signora in giallo, è deliziosa nei panni di una servetta acida e maliziosa (e pure lei ricevette una nomination all’Oscar da non protagonista).

Curiosità: Dal titolo originale dell’opera è nato il termine inglese gaslighting, usato comunemente – anche se non ufficialmente – in psicologia, col significato di “violenza psicologica esercitata su una persona allo scopo di farla dubitare della propria percezione della realtà”; ciò che, per l’appunto, fa Gregory Anton nel film con la moglie Paula.
Come in numerosi altri casi (famoso quello di Alan Ladd, di statura bassissima e costantemente costretto a ricorrere a questi espedienti), anche Charles Boyer era più basso di statura di Ingrid Bergman, e girò le scene in cui si trovavano faccia a faccia stando sopra una scatola di legno.
L’esordiente Angela Lansbury compì diciotto anni nel corso delle riprese, e la troupe le organizzò una festicciola augurale sul set.
Per rendere meglio il carattere della protagonista (esemplare caso di professionalità attoriale!) Ingrid Bergman si recò in un istituto di malattie mentali per studiare i gesti e le espressioni dei pazienti.

Un saluto dal vostro
Cosimo Piovasco di Rondò

27 commenti:

  1. Bellissimo film, me lo ricordo ancora!!!
    Bella recensione e storiografia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, grande film... Grazie per l'apprezzamento.

      Elimina
  2. Ciao Cosimo, non l'ho mai visto, e me ne rammarico! Deve essere molto bello, e comunque ne hai parlato in modo tale che è impossibile non desiderare di vederlo.Ciao, felice serata.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti rubriche come questa non hanno lo scopo (anche se può sembrare) di fare sfoggio di conoscenze cinematografiche (o in altri campi), bensì di stimolare: o il ricordo di chi già sia al corrente di quel che si parla (come Renata, sopra); o la curiosità di chi (come te) non ne sia al corrente e venga spinto ad approfondire l'argomento.

      Elimina
  3. Io non l'ho visto, ma adesso mi hai messo la curiosità di sapere come finisce!

    RispondiElimina
  4. grandissimo film con interpreti di una bravura eccezionale diretti da un Maestro.

    mi permetto di lasciare qui un link in modo tale che si possa vedere facilmente un saggio della incredibile interpretazione di Ingrid Bergman ed... Angela Lansbury veramente molto giovane.

    http://www.youtube.com/watch?v=bKcDeEcti70&feature=fvwrel

    grazie, Barone!
    un saluto
    gelsobianco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, la famosa scena dell'orologio... tra le più significative del film.

      Elimina
    2. esattamente.

      scena indimenticabile secondo me.

      tutto il film è da vedere e rivedere.

      tu, giustamente, hai proposto questo film.

      :-)
      gb

      Elimina
    3. ... e ne proporrò altri più avanti, visto che adesso (a differenza di quanto accadde su Splinder le prime volte) i miei ospiti li apprezzano.

      Elimina

  5. purtroppo non sono riuscita ad inserire il link in modo tale da poterlo solo cliccare per accedervi.

    bisogna così fare un copia ed incolla.

    mi scuso.

    spero gradirete la visione di questo video.

    gelsobianco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Strano: mi è venuto il sospetto che commentando da anonimo non si potesse fare. Ma ho provato sloggandomi e funziona regolarmente.
      Consiglio di controllare sempre l'anteprima prima di pubblicare, se c'è un errore lo si vede subito.

      Elimina

  6. non ci sono riuscita.

    spero di avere fatto vedere quella scena... con un copia ed incolla del link.
    questo mi interessava.

    buona nuova settimana.
    gb

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sissì, si vede benissimo incollando l'URL nella barra del browser.

      Elimina
  7. Ho visto questo film tantissimi anni fa, ma lo ricordo bene; bellissimo e suggestivo. Quando trovo film del passato mi ci tuffo, alcuni sono stupendi e poi ho un debole per alcuni attori d'epoca...(Montgomery Clift, Gérard Philipe, Simone Signoret, Juliette Gréco...).
    Ciao e buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ho un debole per il cinema d'antan. Purtroppo da quando – anni '80, all'incirca – i registi hanno dovuto fare i conti col fatto che, prima o poi, i loro film sarebbero passati in TV, quasi tutti si sono regolati di conseguenza: primi e primissimi piani a non finire, montaggi vertiginosi da videoclip... e i campi lunghi, i piani sequenza e le carrellate di Kubrick e Kurosawa ce li siamo dovuti dimenticare.
      Qualche eccezione c'è ancora, ma rara... e in genere sono film che nei circuiti ufficiali quasi non si notano.

      Elimina
  8. bellissimo film visto qualche anno fa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, ma allora li guardi anche tu i film di una volta...
      Sai com'è, sul tuo blog avevo visto solo recensioni di pellicole recentissime :-D...

      Elimina
    2. i film in bianco e nero sono bellissimi - li vedo quando li passano in tv, magari per sbaglio il pomeriggio

      Elimina
    3. Io in genere li guardavo a tarda notte, quando guardavo ancora la TV... I più grandi capolavori del cinema li ho visti (e registrati) lì...

      Elimina
    4. a tarda notte semmai leggo... non riesco proprio a tenere la tv accesa

      Elimina
    5. Io ormai la TV non la tengo più accesa del tutto... ma ai tempi ho passate nottate intere a registrare vecchi film introvabili trasmessi a ore impossibili...

      Elimina
  9. Un cast eccezionale, attori che hanno fatto la storia del cinema.
    Per non parlare del grande G. Cukor
    Un film da vedere e rivedere sempre con piacere
    Un saluto di buon pomeriggio
    Gina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta nel mio blog, Gina.
      Passo anch'io a trovarti...

      Elimina
  10. Gradiamo.
    Se fosse un altro film avrei scritto "Gradisca".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un'idea... di Fellini non ho ancora recensito niente. Quasi quasi...

      Elimina
  11. Fellini non mi sono mai azzardata a recensirlo...piuttosto cercherai di fare un ritratto del regista attraverso le sue opere....

    Coomunque, venendo al nostro Cukor...come non posso esser rimasta affascinata dal regista delle donne? mi piace tutto quello che ha fatto, ma questa pellicola è un vero capolavoro, trama, sceneggiatura e interpretazioni eccelse.
    la professionalità era ovunque e si respira in ogni fotogramma...
    baci!

    RispondiElimina