Intestazione



Le mie citazioni preferite

C'è gente che possiede una biblioteca come un eunuco un harem (Victor Hugo)
Il mediocre imita, il genio ruba (Oscar Wilde)
Amicus Plato, sed magis amica veritas – Mi è amico Platone, ma ancora più amica la verità (Aristotele)
Se devi parlare, fa' che le tue parole siano migliori del silenzio (Antico detto cinese)
Contro la stupidità neppure gli dei possono nulla (Friedrich Schiller)
Disapprovo le tue opinioni, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto di esprimerle (Voltaire)
Lo stolto ha solo certezze; il sapiente non ha che dubbi (Socrate)
Sognatore è un uomo con i piedi fortemente appoggiati sulle nuvole (Ennio Flaiano)

giovedì 11 ottobre 2012

Cineforum – Piccoli e grandi film d'ogni tempo (VII)


Omicidio a luci rosse (Body Double, USA, 1984, col, 114 min)

Regia: Brian De Palma

Interpreti: Craig Wesson, Melanie Griffith, Deborah Shelton, Gregg Henry, Guy Boyd

Soggetto: Brian De Palma

Sceneggiatura: Brian De Palma, Robert J. Avrech

Fotografia: Stephen H. Burum

Genere: thriller

Musiche: Pino Donaggio



La trama: Jake Scully (Wesson), mediocre e sfortunato attore di film porno-horror a basso costo, si ritrova licenziato in tronco per aver rovinata una sequenza facendosi venire un attacco di claustrofobia nell’interpretare un vampiro chiuso nella bara; al ritorno a casa, trova la fidanzata a letto con un altro uomo...
Sull’orlo della disperazione, il povero Jake trova conforto in Sam Bouchard (Henry), un collega attore, conosciuto poco prima a un corso di recitazione, che gli procura un alloggio nella lussuosa casa di un conoscente – a suo dire – da dove Jake si diverte a spiare, con un telescopio, l’affascinante vicina di casa Gloria (Shelton) che ogni sera si esibisce, per proprio diletto, in un sensuale spogliarello, finendo con l’invaghirsene e col cercare in tutti i modi di conoscerla di persona.
La tragedia irrompe quando Scully assiste, in diretta e senza poterlo impedire, all’omicidio di Gloria, massacrata da uno sconosciuto con un trapano elettrico; sospettato dall’investigatore McLean (Boyd) e sconvolto per l’assassinio di Gloria, Jake riceve un altro colpo quando s’imbatte per caso, guardando un programma televisivo, nel trailer di un film a luci rosse dove la celebre pornostar Holly Body (Griffith) esegue uno spogliarello identico a quello di Gloria. Fingendosi un produttore di film porno, Jake contatta Holly, deciso a chiarire quella che non gli sembra una coincidenza. Ma gli eventi ben presto precipitano... Finale, ovviamente, a sorpresa.

Il commento: Uno dei gialli più controversi nella storia del cinema: denigrato all’uscita dalla critica statunitense, che arrivò al punto di conferire a De Palma il premio Razzie Award per il peggior regista dell’anno, fu invece accolto con entusiasmo dai commentatori nostrani, a partire da Paolo Mereghetti che gli assegna tre stelle e mezza (quasi il massimo), mentre Morando Morandini e Pino Farinotti si limitano a tre (valutazione comunque molto alta).
E in effetti da un lato il film appare come un coacervo di citazioni hitchcockiane buttate giù col mastello (da La donna che visse due volte e La finestra sul cortile le principali e immediate, ma si ritrovano tracce più sfumate anche di altri film, come Psycho o Intrigo internazionale); ma dall’altro la pellicola possiede una suggestione particolare e inquietante, ottenuta con mezzi registici raffinatissimi; le serate in cui Jake, nella solitudine dell’avveniristica casa di vetro, spia lo spogliarello di Gloria accompagnato dall’ipnotica colonna sonora di Pino Donaggio, il lungo pedinamento multiplo nei meandri del centro commerciale, sono sequenze che non si dimenticano.
Craig Wesson, nei panni di uno spaesato (e sfigato) attore, fa tenerezza dall’inizio alla fine, e Melanie Griffith è strepitosa nei panni della pornostar, mentre Guy Boyd fa il verso ai tanti investigatori di cui la storia del cinema giallo è cosparsa.

Curiosità: I componenti del complesso rock Frankie goes to Hollywood, all’epoca famosissimo, compaiono nelle vesti di loro stessi come partecipanti a un film porno (dove Jake fa la conoscenza di Holly).
La casa a forma di disco volante dove Sam ospita Jake è la celebre Malin House, detta anche Cemosphere, costruita a Los Angeles nel 1960 dall’architetto John Lautner.
L’omicidio col trapano elettrico è stato ripreso dal regista italiano Carlo Vanzina nel film Sotto il vestito niente, girato l’anno successivo; era però già stato adottato in un altro film italiano, Sette orchidee macchiate di rosso, girato nel 1971 da Umberto Lenzi.

Un saluto dal vostro
Cosimo PIovasco di Rondò

34 commenti:

  1. Ciao Cosimo, mi stavo preoccupando non vedendoti più. Tutto bene? Il film lo ricordo per il titolo e per poche sequenze, non riesco a ricordarlo come un "tutto" ma non sono un'appassionata di gialli per cui per ricordarmeli devono essere molto più che memorabili...veri capolavori.
    Ti aspetto perchè da qualche giorno hai un premio da me.
    Ciao, buona giornata.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, tutto ok, grazie e scusa il ritardo.
      Il film non è proprio un capolavoro, secondo me; il primo tempo sì, l'atmosfera di attesa del nulla nella fantascientifica casa di vetro è davvero notevole; nel seguito (dall'omicidio in poi) diventa un pratica un altro film, con qualche pregio (la debordante presenza di Holly/Melanie Griffith soprattutto) e parecchi difetti.

      Elimina
  2. Io l'ho visto moltissimi anni fa ma ti dirò, non mi ha lasciato molte emozioni. Di De Palma ho amato di più Carrie, ma soprattutto Scarface.

    Buona giornata Cosimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scarface devo averlo visto, ma in pratica non lo ricordo, il che non depone a suo favore... Carrie, lo sguardo di Satana è un ottimo horror, di cui ricordo in particolare la grande interpretazione di Sissi Spacek e di Piper Laurie; ma il meglio di De Palma, per quanto mi riguarda e per quel che ho visto, è Il fantasma del palcoscenico e soprattutto Gli intoccabili.

      Elimina
  3. Ricordo che mi piacque moltissimo, ma dovrei rivederlo per capire perché. :)

    Un saluto, Cosimo, a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente per quella intrigante atmosfera di attesa di cui parlo sopra, suppongo.

      Elimina
  4. mai visto prima, ma..mi incuriosisce pertanto lo recupero per questo fine settimana!
    ciao, Claudio

    RispondiElimina
  5. Mai visto, se non alcune sequenze che ricordo vagamente. Un film pieno di suspense è sempre molto intrigante, ma non mi piace la violenza che ti viene buttata in faccia. Mi sembra che così avvenga in questo film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà di scene violente ce n'è solo una, quella dell'omicidio (molto hitchcockiana, con qualche riferimento alla doccia di Psycho). De Palma è molto più truculento in altri film, a mio vedere...

      Elimina
  6. mmhhh..no! decisamente non lo vedrò. sopporto poco la violenza ritratta in questi films, anche se finta, anche se marginale al resto..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dico sopra, qui De Palma è molto meno violento che altrove; nulla a che fare con Dario Argento e i suoi epigoni italiani degli anni '70, per intenderci, ai quali invece, in altri suoi film, somiglia parecchio.

      Elimina
  7. non riesco più a vedere un film ambientato in quegli anni... li odio

    provo una repulsione istintiva - forse sarà per come vestivano o come si pettinavano - insomma, non li sopporto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neppure io nutro particolare simpatia per gli anni '80... però di buoni film ne hanno fatti anche in quel periodo...

      Elimina
  8. assente giustificata ;)

    sheadomaniconmoltopiacere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando vuoi, carissima, sei sempre la benvenuta :-):..

      Elimina
  9. ah non avevo notato il regista...bravissimo !!! c'è una scena terribilmente spaventosa in un suo film... quella in cui michael caine si traveste da infermiera aaarghh !!! suspence tremendissima !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quel film è Vestito per uccidere; mi riferivo proprio a quello quando nel commento precedente nominavo Dario Argento & Co.

      Elimina
  10. Ho conosciuto una ragazza che ha subìto un trauma dalla visione di "sotto il vestito niente", tanto da dover ricorrere a cure psichiatriche!
    Questo invece non l'ho visto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sotto il vestito niente lo ricordo piuttosto vagamente... e i gialli italiani di quel periodo erano tutti splatter da morire, i registi facevano a gara nell'essere più truculenti del maestro Dario Argento... però Vanzina proprio non è De Palma...

      Elimina
  11. Caro Cosimo, non ho mai visto il film.
    Di De Palma conosco solo The Unthouchables, capolavoro della cinematografia mondiale e Carrie visto da ragazzina e mai dimenticato.

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo: Gli intoccabili è sicuramente il meglio del meglio di De Palma...

      Elimina
  12. Sicuramente un film interessante. Io non amo i film dove si usa la violenza, ma per i gialli ho sempre fatto un'eccezione, proprio per la curiosità e il suspence che riescono a suscitare, senza contare che, per le scene truculente, posso sempre autoconvincermi che si tratta solo di finzione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nei gialli di una volta la violenza era piuttosto suggerita che mostrata. Negli anni '60 i registi sono diventati più espliciti, a cominciare da Hitchcock con la famosa scena della doccia di Psycho...

      Elimina
  13. Lo hanno passato spesso in tv, ma io devo averlo visto troppo da giovane per apprezzarlo.Però mi hai riportata indietro nel tempo e ogni tanto ne ho bisogno. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, anch'io ovviamente l'ho visto in TV, ma non saprei dire quando la prima volta...

      Elimina
  14. Ricordo benissimo questo film, che oltretutto ripropongono ogni tanto ala tele. A me non è piaciuto, non l'ho trovato all'altezza di De Palma.
    Comunque, se lo collochiamo nel tempo in cui a girato i film, Hitchcock per me rimane mitico!.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hitchcock non si discute, è uno dei maestri del cinema di tutti i tempi, assieme a pochi altri...

      Elimina
  15. Ciao Cosimo, scusa l'assenza ma finalmente il viaggio di lavoro è terminato!
    Un saluto e grazie per il film, devo vederlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati! Come vedi neppure io riesco ad essere molto assiduo... ma prima o poi un giro da tutti riuscirò a farlo.

      Elimina
  16. ciao Cosimo,
    io sono un'appassionata di cinema e di cineforum, anzi credo che il cineforum sia qualcosa di strepitoso, perchè permette di conoscere quelle pellicole che hanno una portata minore,ma sono di grande valore.Questo però non l'ho mai visto.
    A presto e buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, peccato che in giro ce ne siano rimasti pochi...

      Elimina
  17. Si tratta di un film famoso che mi sembra di aver visto tanto tempo fa. le tue proposte sono sempre interessanti,vado a vedere se c'è il dvd
    Ne approfitto per un caro saluto.

    RispondiElimina
  18. Un salutone a te, carissima. Felice di rivederti in giro.

    RispondiElimina